Torna a inizio pagina

Miele: nel 2021 un'annata disastrosa

Il 2021 è l'annata peggiore di sempre per la produzione del miele. Tante le cause.


Un’altra annata nera per le api, la peggiore di sempre, questa del 2021. La produzione del miele è scesa del 95% e, in alcuni casi, si è anche azzerata.

Il clima è sicuramente tra le cause principali del tracollo. I cambiamenti improvvisi di temperatura, la siccità, le gelate, i temporali estivi e i nubifragi autunnali non sono stati alleati del mondo apistico. Tutt’altro.
Il 2021 è un'annata nera per il miele
Anche gli incendi boschivi hanno contribuito a un raccolto che, secondo i dati statistici, è ai minimi storici: non hanno solo provocato danni diretti alle api e agli alveari, ma hanno anche distrutto arbusti e piante fonti di nettare.

Poi ci sono sempre pesticidi (non solo il glifosato, ma anche il profulscarb) che uccidono gli insetti impollinatori e, da più parti, apicoltori e agricoltori ne chiedono la messa al bando.

Forse quando ci renderemo conto di quanto siano importanti le api per il funzionamento del nostro ecosistema e impareremo a rispettarle e a proteggerle, forse sarà troppo tardi.

ADV

Leggi anche


Salento, il gelato al polline è il nuovo trend dell'estate

Pierpaolo Di Nardo il 31 mag 2021

Giornata mondiale delle api: sei iniziative a loro dedicate

Cristina Rombolà il 20 mag 2021

Calabria, le api di Francesca sulle colline di Tropea

Cristina Rombolà il 12 mag 2021