Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Pazzi per la salsa

Perché la maionese impazzisce?



lab alimentazione, il laboratorio dedicato al cibo del Museo della Scienza di Milano.


Prima di iniziare con la preparazione, provate a mescolare acqua e olio in una ciotola: cosa succede?L’acqua è punteggiata da piccolissime gocce di olio. Smettiamo di mescolare, e olio e acqua torneranno a separarsi.


Come si comporta invece l’acqua nella preparazione della maionese? L’acqua contenuta nel tuorlo dell’uovo e l’olio aggiunto rimangono mescolati tra loro. Come mai? Il segreto della preparazione sta proprio nel tuorlo. Il tuorlo contiene lecitina, un emulsionante naturale che è costituito da una parte solubile in acqua e un’altra parte solubile in olio. Questo fa sì che si formi una miscela omogenea tra acqua e olio.


Ma torniamo a noi: perché la maionese impazzisce? La risposta è perché floccula, ovvero l’olio forma dei “grumi” e si separa dall’acqua. Questo succede se gli ingredienti sono troppo freddi o se l’emulsione (in questo caso il tuorlo) non contiene abbastanza acqua per la quantità di olio aggiunta. Nel primo caso, più la temperatura è bassa, più la miscibilità di acqua e olio variano: se l’olio è freddo e quindi quasi solido, non può assumere la consistenza di goccioline. Nel secondo caso invece, se c’ è più acqua che olio, grosse gocce di acqua possono sfuggire all’azione della frusta e l’olio salire in superficie.


Quindi, come fare per salvare una maionese impazzita? Ci sono due possibilità: aggiungere a filo (come se fosse olio) un nuovo tuorlo, oppure aggiungere dell’acqua e sbattere vigorosamente (si risparmia il secondo tuorlo, ma bisogna mescolare molto di più!)


FARE LA MAIONESE SENZA uova


Il motivo principale grazie al quale è possibile cucinare la maionese è la presenza di un emulsionante naturale nel tuorlo, la lecitina. Questo significa che è possibile preparare una salsa simile alla maionese usando lecitina di soia al posto dell’uovo. Ecco come.


Mettiamo 5 cucchiai di lecitina di soia in una ciotola. Scaldiamo dell’acqua e versiamola sulla lecitina in piccole quantità, lasciandola assorbire. Quando la lecitina è sufficientemente ammorbidita, iniziamo a stemperarla con un cucchiaio o una spatola eliminando i grani. Montiamo la salsa con una frusta, aggiungendo l’acqua restante. La salsa è pronta quando è soffice e lucida.


La lecitina di soia contiene molecole tensioattive che, come quelle contenute nell’uovo riescono ad unire acqua e olio, ma hanno un contenuto minore in grassi. Inoltre, la lecitina ha la caratteristica di essere un grasso, o meglio “un grasso che sgrassa”: deterge le papille gustative, lasciando la bocca pulita e permettendoci così di gustare meglio gli aromi. 

Altre sostanze che hanno la proprietà di emulsionare le salse sono alcune proteine: quelle dell’albume dell’uovo, ad esempio. Possiamo preparare delle salse leggere usando una di queste sostanze e un liquido aromatizzato.




  alimentazione è aperto al pubblico a rotazione con gli altri laboratori del Museo durante i fine settimana, nei festivi e durante le vacanze scolastiche. Il programma dettagliato di ogni attività è consultabile sul sito del Museo alla pagina:

http://www.museoscienza.org/attivita


Approfondimenti a cura di:

Valeria Chiodini, i.lab Alimentazione 

Luca Iozzia, i.lab Genetica, Biotecnologie 















ADV

Leggi anche


Tagliatelle al Ragù di strigoli

Davide Paolini & L'Arusnate il 03 ago 2016

Una pausa a regola d’arte

Salvatore Delogu il 05 giu 2015

Cocktail di gamberi: la ricetta

Francesca Palenzona il 09 set 2014