Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Treschietto val bene una cipolla

In una piccola frazione toscana c'è una tipica cipolla coltivata con metodi naturali


Dalle pillole del Gastronauta, in diretta ogni giorno alle 11.05 e 23.05 su Radio24.

 

Oggi vi porto nelle terre di Lunigiana, luoghi suggestivi intrisi di cultura, grazie ai numerosi borghi medievali, palazzi barocchi e siti archeologici, alla scoperta di un prodotto molto interessante: la cipolla di Treschietto. Frazione del comune di Bagnone, Treschietto è un posto tutt’oggi isolato e incontaminato (le prime strade risalgono al 1950!) e ciò ha permesso alla cipolla tipica di assumere caratteristiche tali da poter essere coltivata solo lì, con metodi naturali e senza utilizzo di pesticidi.Frutto di un intenso lavoro di recupero, questa cipolla rossa è molto apprezzata grazie al suo sapore dolce e delicato, non pungente, per cui è ottima anche mangiata cruda, magari abbinata ai vini rossi toscani. 

 

COMITATO PER LA VALORIZZAZIONE 

DELLA CIPOLLA DI TRESCHIETTO

Treschietto, Bagnone (MS)

T. 349 6080687

M. info@cipolladitreschietto.it

W. www.cipolladitreschietto.it

 

 

ADV

Leggi anche


Tagliatelle al ragù di coniglio e ceci della Val d’Orcia

Francesca Palenzona il 12 mag 2021

La Versilia ritrova le sue origini nei prodotti

Davide Paolini il 26 ott 2020

Un pollo fritto nella Tana degli Orsi

Davide Paolini il 08 ott 2020