Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Pasta e lenticchie

La Pasta e lenticchie. Ricetta di un piatto arricchito dal gusto inconfondibile del legume simbolo di ricchezza, prosperità e decisamente salutare



Ho sempre considerato le lenticchie come il contorno top per il cotechino, ma ho dovuto rivedere la classifica personale da quando sono andato a Grassano, un paesino della Basilicata, ed ho assaggiato la pasta e lenticchie della nonna di "paisà" Francesco, una signora super sprint che potrebbe tranquillamente competere con un’impastatrice industriale per la sua velocità nel realizzare i cavatelli.

L’altra sera l’ho proposta alle specialiste della lenticchia Chiara e Francesca e c’è stato un solo  grido … da paura!!!
La ricetta della pasta e lenticchie

Le proprietà della lenticchia

Le lenticchie hanno un alto valore nutritivo e contengono circa: 25% di proteine, 53% di carboidrati e il 2% di olii vegetali. Sono ricche di fosforo, ferro e vitamine del gruppo B. Hanno anche un alto contenuto proteico e una scarsa quantità di grassi.

Sono inoltre ricche di vitamine, sali minerali e fibre e la grande quantità di fibre le rendono molto importanti e utili per il funzionamento dell’apparato intestinale e per tenere sotto controllo il livello del colesterolo.

Ingredienti

Per 4 persone

  • 300 g lenticchie di Castelluccio (o altro tipo piccolo),
  • 250 g pasta corta tipo cavatelli
  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 50 g pancetta
  • 700 ml di brodo
  • alloro, rosmarino, sale, pepe, un po’ di peperoncino

 

Procedimento

Come preparare la pasta e lenticchie

  1. Tritate cipolla, sedano, carota e fateli appassire in una pentola con dell’olio extravergine di oliva, dopo qualche minuto fate rosolare la pancetta, unite le lenticchie precedentemente lavate e lasciate rosolare il tutto per qualche minuto, aggiungete un rametto di rosmarino e 3-4 foglioline dall’alloro.
  2. Coprite con il brodo vegetale e fate cuocere le lenticchie per ca. 40 minuti, a cottura quasi ultimata potete eliminare il rametto di rosmarino e l’alloro.
  3. Passati i 40 minuti, aggiungete ini pentola 3-4 mestoli di brodo o acqua bollente; salate, mettete un pezzettino di peperoncino, a seconda del vostro gusto e buttate dentro i cavatelli (ottima variante sono i gnocchetti sardi).
  4. Portate a cottura la pasta, aggiungendo, nel caso si asciugasse, altra acqua bollente o brodo, impiattate con un filo di olio e del pepe nero. 

ADV

Leggi anche


Tequeños, la ricetta venezuelana

Francesca Palenzona il 17 giu 2021

Giardiniera fatta in casa

Francesca Palenzona il 07 giu 2021

I ceci, simbolo per eccellenza di sostenibilità

Arianna Iachia il 12 mag 2021