Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Biodiversità e agricoltura in Salento

La biodiversità agricola, in Salento, passa per la Casa delle AgriCulture Tullia e Gino. Un'utopia di cibo di qualità che educa alla restanza e al rispetto per l'ambiente



“Dammi l’illusione di credere che questa vità è bella come lo sei te”. Su un muro vicino alla Casa delle AgriCulture Tullia e Gino compare questa scritta. Scoprirò solo dopo che è un verso di una canzone pop.

Mi piace però continuare a pensare che sia dedicata a questo bellissimo progetto in terra di salento: Casa delle AgriCulture Tullia e Gino, un’organizzazione di volontariato attiva nella difesa dell’agro-biodiversità o biodiversità agricola.
In Salento il Mulino di comunità

La difesa della biodiversità agricola e l'educazione alla "restanza" 

In parole più semplici l’organizzazione protegge la biodiversità agricola con il recupero di vecchi terreni incolti. L'intenzione è di dare a questi terreni una seconda chance, di coltivarli e di coltivare una nuova sensibilità verso la terra.

Rilanciare una micro-economia che possa aiutare aree fortemente soggette allo spopolamento, come il basso Salento, alla “restanza”, termine che indica la scelta di cercare o di creare nuove opportunità, restando appunto, e non emigrando.

Dalla somma di queste scelte si determinano le rinascite di certi luoghi. È questa la premessa che, nel 2012, ha animato la nascita di questa organizzazione che a oggi ha sottratto già 20 ettari all’abbandono per la coltivazione di diverse varietà di grano, come Senatore Cappelli, Strazzavisazz, Saragolla, dei Farro dicocco e monococco, Orzo Nudo, Capiniura, Maiorca, Gentilrosso e Canapa a fini alimentari.
In Salento la Casa delle AgriCulture

In Salento, il primo Mulino di Comunità agro-biodiverso

L’associazione vanta anche la creazione di un “Mulino di Comunità”, primo esperimento in Italia di un centro agro-biodiverso di trasformazione polivalente di cereali di qualità, dove chiunque può portare il proprio raccolto per un servizio di molitura a costi equi.

L’obiettivo è quello di garantire, a tutti, un cibo sano e di qualità, grazie alla macinazione a pietra che permette di conservare il germe, la parte più nobile del seme, a differenza del processo industriale, che lavora maggiori quantità e raffina, surriscaldando e impoverendo le farine di vitamine e proteine.

Una storia profondamente radicata nel territorio e nella terra in cui nasce, che vive 365 giorni all’anno, ma che ogni anno, in estate, fa il punto della situazione nella “Notte Verde”.

L’happening è dedicato ai prodotti che nascono dall’esperienza della casa delle AgriCulture e ai temi legati all’agricoltura organica e alla sua economia, alla salute e all’ambiente.

Ospiti illustri, laboratori, performance, coltivatori di cambiamento e utopisti concreti animano un programma che è anche profonda riflessione sul diritto al cibo. Un appuntamento da non perdere, se ci si trova in Salento a fine agosto.
Il Mulino di Comunità in Salento

Contatti

Casa delle AgriCulture

Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto (LE)
348.5649772
ass.casadelleagriculture@gmail.com
www.casadelleagriculturetulliaegino.com

ADV

Leggi anche


Alpaca e grani antichi nel Chianti

Valentina Paolini il 13 lug 2021

Cos'è la Cupeta salentina?

Pierpaolo Di Nardo il 08 lug 2021

Olio extravergine: come lo produce Marina Colonna

Cristina Rombolà il 30 giu 2021