Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Speck Alto Adige IGP e cocktail: l'happy hour fai da te

Speck Alto Adige IGP e cocktail: come realizzare, a casa, un aperitivo buono e dalle note affumicate



È quasi estate e un gustoso aperitivo, sulla nostra terrazza di casa o dell’ufficio, non ce lo leva nessuno. In attesa di andare in vacanza, ci meritiamo momenti di relax con un buon cocktail e un tagliere d’autore. Speck Alto Adige IGP ha sdoganato l’happy hour fai-da-te con abbinamenti ricercati ed esclusivi.

Lo Speck Alto Adige IGP per un aperitivo da re

Il protagonista non poteva che essere lui, sua maestà Speck che, a marchio IGP, è un prodotto di alta qualità, realizzato con filiera controllata e trasparente, nonché simbolo di una storia millenaria e fortemente identitaria.

La delicata sapidità e la leggera affumicatura lo rendono un salume adatto al momento dell’aperitivo. «Nel salume altoatesino più amato d’Italia, l’affumicatura leggera tipica delle tradizioni del nord incontra infatti la stagionatura, più diffusa nei paesi del sud, creando un prodotto dal gusto unico», spiega Martin Knoll, Membro della direzione del Consorzio Tutela Speck Alto Adige.

Stefan Pföstl, bartender del Gigis bar di Merano, ha studiato tre abbinamenti di mixology con gli Speck Alto Adige IGP realizzati da tre diversi produttori del Consorzio. Sebbene siano accomunati dal rispetto per il territorio e per il prodotto, ognuno dei ventotto consorziati ha la propria ricetta segreta, tramandata da generazioni.

Le sfumature e le miscele per le spezie fanno sì che ogni Speck Alto Adige IGP assuma caratteristiche diverse che vengono esaltate dai singoli drink.

Tagliarlo con l'affettatrice o a coltello, questo è il dilemma

Prima di preparare il cocktail, decidete come servire lo Speck Alto Adige IGP, se tagliarlo sottilissimo con l’affettatrice o alla maniera tradizionale, con un coltello affilato dalla lama liscia.

Noi preferiamo il secondo metodo, per cui dovete essere muniti anche di un tagliere di legno. Se non siete amanti, ricordate di eliminare la cotenna e se preferite un sapore più delicato, anche la crosta di spezie. Noi la lasciamo perché conferisce robustezza e personalità al salume.

L'happy hour da preparare a casa

Per il secondo abbinamento di questo gustoso happy hour dalle note affumicate, Stefan ha scelto lo Speck Alto Adige IGP di Schmid Speck da assaporare insieme all’analcolico Spring Awakening.

La famiglia Schmid produce Speck di qualità da tre generazioni, con l’attenzione a una filiera corta e garantita. Il salume viene realizzato con carne fresca di origine controllata, proveniente da allevamenti consoni alle differenti specie. A rendere unica la ricetta contribuiscono le più raffinate erbe aromatiche alpine, l’affumicatura con i trucioli di faggio e tanta aria fresca di montagna.
Lo Speck Alto Adige IGP
Le note acidule dello Spring Awakening, esaltate dalla presenza del Verjus, trovano un perfetto equilibrio con lo Speck Alto Adige IGP di Schmid, che è dolce e ha un sapore delicato di affumicatura, ammorbidita dalla componente grassa, maggiore se paragonata a quella di altri Speck Alto Adige IGP. La sapidità non è eccessiva grazie alla bassa quantità di sale utilizzata e la miscela di spezie non è invasiva.

Se volete replicare la ricetta a casa, ecco qui ingredienti e procedimento per un aperitivo a base di Speck Alto Adige IGP di Schmid Speck e Spring Awakening.
Ingredienti per 1 drink:
› 10 cl di Weirouge
› 10 cl di Tyrol Tonic
› 2 cl di miele di dente di leone
› 3 cl di agresto (Verjus)
› Acetosa
› Per decorare: mela secca e fiore
› Utensili richiesti: Boston shaker, jigger, strainer, colino

Da sorseggiare in un bicchiere Long Drink, lo Spring Awakening si prepara partendo dall’acetosa che va pestata direttamente nella parte di vetro del Boston shaker. Una volta terminata questa fase, utilizzando lo jigger, si possono aggiungere tutti gli ingredienti a eccezione dell’acqua tonica (Tyrol Tonic).
Lo Speck Alto Adige Igp abbinato al cocktail
Alla fine, si unisce anche il ghiaccio, si chiude lo shaker con la parte di metallo e si inizia ad agitare velocemente. Inseriti cinque cubetti di ghiaccio nel bicchiere Long Drink, è il momento di versare l’analcolico utilizzando uno strainer e un colino. Infine, si aggiunge l’acqua tonica. Il tocco finale spetta alle mele secche e al fiore che concludono la presentazione dello Spring Awakening.

Se vi avanza dello speck, conservatelo in frigo avvolto in un panno umido o tra due piatti fondi, lontano da cibi con odori forti. Lo Speck Alto Adige IGP, in frigorifero o in un luogo freddo e buio, si mantiene intatto per alcune settimane.

Se è sottovuoto, anche diversi mesi, senza compromessi sulla qualità. Ricordate di farlo sempre respirare prima del consumo: è importante affinché possa sprigionare tutto il suo aroma.

ADV

Leggi anche


Cocktail e Speck Alto Adige IGP: l’aperitivo altoatesino che fa tendenza

Cristina Rombolà il 19 mag 2021

Il cocktail "Carico" di grappa Nonino

Cristina Rombolà il 07 mag 2021

Storia dello Spritz

Davide Paolini il 10 mar 2021