Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Guantoni caldi per i Ring di Taste

Contraffazioni, lievito naturale e pasta sono gli argomenti principali dei dibattiti del Gastronauta alla manifestazione fiorentina


In occasione di Taste n.9, dal 8 al 10 marzo 2014, alla Stazione Leopolda di Firenze, torna l’appuntamento con i Ring, l’arena cultural-gastronomica orchestrata da Davide Paolini, il Gastronauta. Taste Ring è il luogo di dibattiti e di idee dove i protagonisti del mondo del cibo si sfidano sui temi più curiosi legati alla tavola contemporanea, al cibo e al gusto, interpretando l’attualità e anticipando le tendenze future. Ecco i principali appuntamenti a cui non potete mancare:

 

Sabato 8 Marzo - Ore 16:00 

ITALIAN SOUNDING: DANNO O OPPORTUNITÀ?

Il giro d'affari della contraffazione del prodotto alimentare italiano supera l'export e crea danni  economici enormi al Paese, ma fuori UE non ci sono mezzi di difesa neppure per i marchi Dop e IGP. Ad oggi non sono state prese misure efficaci, cosa è possibile fare veramente? Se si considera poi il fatturato dei prodotti italiani “taroccati”, si scopre che esiste un’enorme domanda non soddisfatta, ma quali sono gli ostacoli che ne impediscono la soddisfazione: carenza di materie prime o di imprenditorialità?

 

Intervengono:

Oscar Farinetti, Eataly 

Tom Mueller, Giornalista e autore del libro "Extraverginità. Il sublime e scandaloso mondo dell'olio d'oliva"

Mario Cichetti, Dir. Consorzio prosciutto San Daniele 

Antonio Lucisano, Dir. Consorzio mozzarella di Bufala 

Roberto Moncalvo, Pres. Coldiretti 

Nicola Cesare Baldrighi, Pres. Consorzio Grana Padano 

Corradino Marconi, Pres. Consorzio Mortadella 

Oliviero Toscani, Fotografo e Produttore di olio toscano

Mario Guidi, Pres. Confagricoltura

Giuseppe Liberatore, Pres. AICIG (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche)

Adolfo Filippini, Vice Presidente "Vicario" Consorzio Parmigiano Reggiano 

Piero Gonnelli, Pres. Associazione Italiana Frantoiani Oleari.

 

 

Domenica 9 Marzo – ore 12:00

TUTTI LA CERCANO, TUTTI LA VOGLIONO: LA pasta madre 

Il mondo della pasta madre o lievito naturale fino a qualche anno fa era  sconosciuto ai più, anche ad alcuni degli addetti ai lavori. Il consumo fast aveva fatto dimenticare il lievitare lento del pane di casa. Poi qualcosa è cambiato e il verbo, tra l’altro grazie al web, si è diffuso tra le mura domestiche, dove crescono gli adepti di questa filosofia di panificazione. Ma l’attenzione sulla lievitazione non si è rivolta solo nei confronti del pane,  anche la domanda di pizza e dolci ne è stata coinvolta, portando ad un'evoluzione che ha portato cambiamenti nell'utilizzo delle farine necessarie per le produzioni. Capiamo con i diretti interessati come si sono modificati i consumi e le lavorazioni e, soprattutto, se c’è davvero così tanta differenza tra utilizzare la pasta madre o altri tipi di lievito.

 

Intervengono: 

Renato Bosco, Saporè di San Martino Buon Albergo  (VR)

Lucca Cantarin, pasticceria Marisa di San Giorgio delle Pertiche (PD)

Emanuele Lenti, Pregiata Forneria Lenti di Grottaglie (TA)

Ivan Rigon, Fresco Piada di Riccione (RN)

Piero Gabrieli, Direttore Marketing Molino Quaglia di Vighizzolo D’Este (PD)

Walter Rampazzo, pizzeria Pedrocchino di Campodoro (PD)

Pierluigi Roscioli, Forno Roscioli di Roma

Riccardo Astolfi,Organizzatore del Pasta Madre Day e creatore sito www.pastamadre.net

 

 

Domenica 9 Marzo – ore 16:00

PASTA ALL'ITALIANA, MA IL GRANO C'E'?

La pasta è uno dei prodotti più riconosciuti del Bel Paese. Non c'è alimento più significativo per rappresentare la cucina italiana, tanto noto e amato, quanto controverso e discusso, ad iniziare dalla materia prima. Si sa che la produzione di grano in Italia non è in grado di coprire l’esigenze dei pastifici nazionali, i quali devono perciò importarlo dall’estero. Ma potrà esistere mai una via tutta italiana al prodotto finito? 

 

Intervengono:

Francesca Verrigni, Verrigni - Antico Pastificio Rosetano di Roseto degli Abruzzi (TE)

Antonio Marchetti, Pastai Gragnanesi Società Cooperativa di Gragnano (NA)

Antonio Morelli, Antico Pastificio Morelli 1860 di San Romano (PI)  

Massimo Sansonetti, Cipriani Food di Losson di Meolo (VE)   

Massimo Mancini, Pasta Mancini di Monte San Pietrangeli (FM)                  

Alberto Zampino, Pastificio Gentile dal 1876 di Gragnano (NA)  

Dino Martelli, Martelli Famiglia di Pastai dal 1926  di Lari (PI)  

Andrea Cavalieri, Pastificio Benedetto Cavalieri dal 1918 di Maglie (LE)

Enzo Rossi, La Campofilone Filiera di Campofilone (FM)              

Giuseppe Di Martino, Pastificio dei Campi di Gragnano (NA)           

Paolo Petrilli, Az. Agr. La Motticella di Lucera (FG)          

 

Inoltre Sabato alle ore 12.00 è in calendario l'incontro “MESTOLI E MOUSE. COME LA RETE STA DISEGNANDO UNA NUOVA CUCINA ITALIANA” dedicato alla nuova cucina italiana che si ritrova in rete per condividere ricette, diffondere la conoscenza di prodotti locali, fondere culture diverse e per capire se il web è un’opportunità o un rischio per la diffusione delle nostre tradizioni regionali. A seguire alle 14:00 sarà la volta di un ring dedicatp ai catering italiani in collaborazione con il Premio King of Catering Bisol, sull’esperienza legata all’internazionalità dei sapori e all’incontro e al confronto con diverse culture in ambito gastronomico.


ADV

Leggi anche


Firenze, la spesa sostenibile di Genuino Punto Zero

Valentina Paolini il 12 mag 2021

Lampredotto, cibo di strada democratico

Davide Paolini il 01 apr 2021

L’Università del Panettone: la cottura

La Redazione il 22 dic 2020