Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Melograno, da Israele al Salento

Melograno: in Salento esiste chi coltiva l'albero da frutta con tecniche innovative sperimentate in Israele. La storia dell'azienda agricola Cairo Doutcher



Lo chiamano “l’uomo che porta la luce nei campi” perché Uzi parte dalla Gypsophila, la nebbiolina varietà Million Stars, un fiore bianco che inondato dal sole del Salento incendia di luce la campagna.

Uzi Cairo è un proprietario terriero che ha fatto dell’innovazione e della ricerca il suo marchio di fabbrica. Nasce in Israele, ma negli anni Ottanta torna nella sua terra d’origine, a Copertino, in salento, dove inizia a sperimentare nuove tecniche di coltivazione del melograno.
Un melograno coltivato in Salento

Dall'olivicoltura agli alberi da frutta

Qui si dedica all’olivicoltura, creando mari di ulivi argentati che ondeggiano nelle campagne dell’entroterra e, forte della sua esperienza in Israele, perché si sa che chi coltiva il deserto ha una marcia in più, porta prosperità e lavoro in tutto il Salento.

Uzi ha molti ettari di ulivi in agro di Leverano e Copertino, in provincia di Lecce. In quella parte di Salento che si tuffa nello Ionio, ma dagli anni Novanta comincia a diversificare. Dagli ulivi passa ai fiori recisi e ornamentali, e poi all’ortofrutta su larga scala.

“Mio padre mi ha regalato tutti i paesaggi d’Italia”. Quando Adam ha 8 anni viaggia in tutta Italia con il padre Uzi, che a ogni curva si ferma, lo fa scendere dalla macchina, e gli spiega le proprietà di una pianta o di un albero da frutto.
Un melograno coltivato in Salento

Perché il melograno?

È così che Adam si appassiona alla natura, ai frutti della terra, all’agricoltura.

Giovanissimo, viaggia in Israele e in California per apprendere le tecniche agricole più all’avanguardia, entra in azienda e affianca il padre nel percorso di innovazione e sperimentazione del melograno, la pianta da frutto che meglio identifica l’azienda agricola Cairo & Doutcher.

Tradizione, sviluppo tecnologico e sperimentazione di nuove tecniche di coltivazione, sia in ambito agricolo, sia florovivaistico, sono da sempre la mission dell’azienda. Il percorso del melograno qui viene seguito, curando ogni dettaglio, impollinando le piante a una a una, e disseminando d’amore per la terra.

“Mi piace la natura. Se guardo una pianta, io capisco di cosa ha bisogno” è questo il motto che anima Adam Cairo. Nella “nursery”, al chiuso, centinaia di migliaia di baby melograni vengono incrociati attraverso gli innesti, per dar vita (forse un giorno) alla pianta perfetta: buona, resistente, produttiva.
Un melograno coltivato in Salento

Come vengono coltivati i melograni in Salento

Anni e anni di sperimentazione per crescere piante di melograno che poi passano nelle serre riscaldate con la geotermia. E dopo nei 12 ettari di terra vicino allo Ionio, dove le piante diventeranno alberi e gli alberi saranno frutti. Migliaia, milioni di melograni made in Salento.

Oltre alle due varietà di melograno dalle qualità uniche al mondo, Wonderful One e Ako (che vengono prodotte con diritto di brevetto), l’azienda sta lanciando sul mercato altri ecotipi come Emek e Shani, con l’obiettivo di riuscire a garantire la produzione di melograno per quasi dieci mesi l’anno.

Avocado e mango sono le altre due grosse scommesse dei Cairo. L’avocado, originario del centro America, le cui varietà Ettinger e Hass sono le più rinomate dell’azienda, è una pianta difficile, capricciosa, richiede molta cura, va innestata pianta per pianta, col lavoro di decine e decine di uomini sotto la guida di un innestatore esperto.
Adam Cairo nella sua coltivazione di Melograno in Salento
Per Adam questo è anche un modo per preservare un lavoro che, nel tempo, sempre meno giovani vogliono fare perché ormai tanti, troppi, frutti si producono in laboratorio. “Ma che resistenza può avere un frutto concepito in laboratorio rispetto a uno che nasce nei campi. E che sapore?”.

E poi c’è il mango, originario dell’India, la pianta che da sola conta il 50% della produzione mondiale di frutta tropicale, con le varietà Maya e Tommy Atkins, altra grande scommessa dell’azienda.

In questo angolo di Salento, nascosto tra tratturi e campi silenziosi, è una sorpresa grande scovare frutti dolci e succosi di un’azienda coraggiosa, che preserva il territorio, prende e restituisce, in un ciclo continuo, dove dare e avere sono il valore portante di tutta la vita.

Contatti

Cairo & Doutcher

Contrada Vigna Grande – Loc. Seminaristi, Copertino (LE)
3289863911
www.cairodoutcher.com

ADV

Leggi anche


L'oliva dolce del Salento

Pierpaolo Di Nardo il 18 giu 2021

Biodiversità e agricoltura in Salento

Valentina Paolini il 15 giu 2021

Salento, il gelato al polline è il nuovo trend dell'estate

Pierpaolo Di Nardo il 31 mag 2021