Torna a inizio pagina

Che fine ha fatto Gastronauta?

Scoprilo qui

Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Katsu Sando è il famoso panino giapponese con la cotoletta: abbiamo provato la versione italiana Cat-su Sandro



Katsu Sando, ossia sandwich con cotoletta. Il panino giapponese cool instagrammabile, e dunque amato da tutti gli influencer del mondo, è arrivato anche in Italia grazie alle gastronomie e ai ristoranti del Sol Levante.

Cosa è il Katsu Sando?

Il Katsu Sando si presenta come due fette di pane in cassetta, condite con una salsa marrone e farcite di cotoletta di maiale. Il pane utilizzato è lo shokupan, che ricorda appunto il nostro pane in cassetta, è fatto con il latte, quindi più soffice e più morbido. La cotoletta normalmente è di lonza di maiale (tonkatsu), ma viene utilizzato anche il wagyu.

La panatura è realizzata con il panko, il pangrattato giappa senza crosta e più grossolano, artefice della croccantezza. Tra il pane e la cotoletta viene frapposta una salsa speziata (salsa tonkatsu preparata per accompagnare la cotoletta) fatta con ketchup, Worcestershire, miele e salsa di soia, un po’ di cavolo (o anche lattuga) che hanno il compito di rendere il panino meno asciutto e di dargli freschezza.
Katsu Sando Delivery Valley

La storia del panino giapponese

Notizie precise sulla nascita del Katsu Sando non ne abbiamo, ma secondo alcune testimonianze la cotoletta di maiale è nata in Giappone nel XIX secolo. La prima versione della cotoletta era con il manzo, solo verso la fine del 1800 subentra la carne di maiale. Nel 1899 il ristorante occidentale "Renga-Tei" a Ginza, Tokyo, aggiunge al menu le "cotolette di maiale" fritte in una grande quantità di olio, come quello usato per la tempura e aggiunge cavolo crudo sminuzzato al posto delle verdure calde. Un piatto che diventa subito popolare perché amato dai giapponesi, ma anche dagli occidentali.
i tre Katsu Sando di Delivery Valley

Il Cat-su Sandro di Delivery Valley

Ma se volessimo una versione italiana del Katsu Sando? Niente panico, non solo esiste, ma si può anche ordinare attraverso il delivery. L’idea originale è di Maurizio Rosazza Prin e di Alida Gotta, menti di Delivery Valley che, con la loro dark kitchen, hanno già dimostrato come si può fare business anche in uno dei periodi di crisi più gravi del secolo.

La loro rivisitazione del panino giapponese si chiama Cat-Su Sandro ed è disponibile in tre versioni: Sandro classico (cotoletta di maiale, salsa segreta della Valley, filangé di iceberg, sale al tartufo, salsa tartara fatta in casa, fra due fette di shokupan fatto ogni giorno e lievemente tostato); Sandro pollo (cotoletta di petto di pollo, maionese artigianale senape curcuma miele, sale al curry, cavolo cappuccio condito, salsa tonkatsu home made, fra due fette di shokupan fatto ogni giorno e lievemente tostato) e Sandro vegetariano (panella di ceci, sale alle erbe aromatiche, maionese di soya, crema di peperone, iceberg e ruchetta, fra due fette di shokupan fatto ogni giorno e lievemente tostato).

Il panino, fatto con ingredienti di alta qualità - shokupan preparato ogni giorno, salse fatte in casa e un mix di sapori orientali- si può ordinare, come tutte le proposte culinarie di Delivery Valley, sulle principali app di delivery. Non ci resta che provarli tutti.

foto: Cat-su Sandro Delivery Valley

ADV

Leggi anche


Pic Nic fuori porta vicino Milano

Pierpaolo Di Nardo il 12 giu 2021

Lecce, lo street food di Mamma Elvira

Pierpaolo Di Nardo il 25 mag 2021

Zona Gialla: mangiare all’aperto a Milano

Cristina Rombolà il 04 mag 2021